Friday, Aug 22nd

Last update:10:25:19 AM GMT

You are here:

INTERNAZIONALE

Ordigno esplode a nord della Striscia di Gaza, tra le vittime un videoreporter italiano

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

gaza bombeCinque persone sono rimaste uccise nel nord della Striscia di Gaza da una bomba israeliana rimasta inesplosa. Tra le vittime un videoreporter italiano che stava seguendo le operazione di disinnesco. Secondo le primissime ricostruzioni,  infatti i palestinesi stavano cercando di disarmare il missile quando sono stati colpiti mortalmente dalla deflagrazione. Le fonti locali palestinesi riferiscono che le vittime sono: il giornalista italiano Simone Camilli, 27 anni; Bilal Mohammed Sultan, 27 anni; Tisir Ali Alhum, 40 anni; Hazem Ahmed Abu Mourad, 38; il giornalista palestinese Ali Shehda Abu Aafsh. Redazione

AddThis Social Bookmark Button
Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Agosto 2014 11:50

Più di 225 ebrei sopravvissuti al genocidio nazista condannano massacro di palestinesi a Gaza e invitano al boicottaggio totale

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 15
ScarsoOttimo 
Tratto da livornoindipendente.it e International Jewish Anti-Zionist Network

Come ebrei sopravvissuti al genocidio nazista e i nostri discendenti condanniamo inequivocalbilmente il massacro di palestinesi a Gaza e l'occupazione e colonizzazione della Palestina storica. Condanniamo anche gli Stati Uniti perché provvede a Israele i fondi per portare avanti l'attacco, e gli Stati occidentali in modo generale per usare le sue strutture diplomatiche per proteggere Israele dall'essere condannato. Il genocidio inizia con il silenzio del mondo.

Siamo allarmati per la estrema e razzista disumanizzazione dei palestinesi nella società israeliana, che ha raggiunto l'apice. In Israele i politici e gli opinionisti del 'Times of Israel' e del 'Jerusalem Post' chiamano apertamente al genocidio del palestinesi e gli israeliani di destra adottano gli emblemi neo-nazisti.

Inoltre, siamo disgustati ed indignati per gli abusi della nostra storia a mano di Elie Wiesel nelle pagine che promuovono palesemente delle falsità per giustificare l'ingiustificabile: lo sforzo totale d'Israele per distruggere Gaza e l'assassinio di circa 2000 palestinesi, tra cui centinaia di bambini. Niente può giustificare il bombardamento dei rifugi ONU, di case private, di ospedali ed università. Niente può giustificare il privare le persone di elettricità ed acqua.

Dobbiamo alzare la nostra voce collettivamente ed usare il nostro potere collettivo per finire ogni forma di razzismo, compreso l'attuale genocidio del popolo palestinese. Chiediamo la fine immediata dell'assedio e del blocco contro Gaza. Chiamiamo al totale boicottaggio economico, culturale ed accademico di Israele. 'Mai più' dev'essere MAI PIÙ PER TUTTI! 

Seguono firme

Sopravvisuti

Hajo Meyer, survivor of Auschwitz, The Netherlands.
Henri Wajnblum, survivor and son of victim of Nazi genocide, Belgium.
Renate Bridenthal, child refugee from Hitler, granddaughter of Auschwitz victim, United States.
Marianka Ehrlich Ross, survivor of Nazi ethnic cleansing in Vienna, Austria. Now lives in United States.
Annette Herskovits, survived in hiding in France and daughter of parents who were murdered in Auschwitz, United States.
Irena Klepfisz, child survivor from the Warsaw Ghetto, Poland. Now lives in United States.
Karen Pomer, granddaughter of member of Dutch resistance and survivor of Bergen Belsen. Now lives in the United States.
Hedy Epstein, her parents & other family members were deported to Camp de Gurs & subsequently all perished in Auschwitz. Now lives in United States.
Lillian Rosengarten, survivor of the Nazi Holocaust, United States.
Suzanne Weiss, survived in hiding in France, and daughter of a mother who was murdered in Auschwitz. Now lives in Canada.
H. Richard Leuchtag, survivor, United States.
Ervin Somogyi, survivor and daughter of survivors, United States.
Ilse Hadda, survivor on Kindertransport to England. Now lives in United States.
Jacques Glaser, survivor, France.
Norbert Hirschhorn, refugee of Nazi genocide and grandson of three grandparents who died in the Shoah, London.
Eva Naylor, surivor, New Zealand.
Suzanne Ross, child refugee from Nazi occupation in Belgium, two thirds of family perished in the Lodz Ghetto, in Auschwitz, and other Camps, United States.
Bernard Swierszcz, Polish survivor, lost relatives in Majdanek concentration camp. Now lives in the United States.
Joseph Klinkov, hidden child in Poland, still lives in Poland.
Nicole Milner, survivor from Belgium. Now lives in United States.
Hedi Saraf, child survivor and daughter of survivor of Dachau, United States.
Barbara Roose, survivor from Germany, half-sister killed in Auschwitz, United States.
Sonia Herzbrun, survivor of Nazi genocide, France.
Ivan Huber, survivor with my parents, but 3 of 4 grandparents murdered, United States.
Altman Janina, survivor of Janowski concentration camp, Lvov. Lives in Israel.
Leibu Strul Zalman, survivor from Vaslui Romania. Lives in Jerusalem, Palestine.
Miriam Almeleh, survivor, United States.
George Bartenieff, child survivor from Germany and son of survivors, United States.
Margarete Liebstaedter, survivor, hidden by Christian people in Holland. Lives in Belgium.
Edith Bell, survivor of Westerbork, Theresienstadt, Auschwitz and Kurzbach. Lives in United States.
Janine Euvrard, survivor, France.
Harry Halbreich, survivor, German.

Figli di sopravvissuti 

Liliana Kaczerginski, daughter of Vilna ghetto resistance fighter and granddaughter of murdered in Ponary woods, Lithuania. Now lives in France.
Jean-Claude Meyer, son of Marcel, shot as a hostage by the Nazis, whose sister and parents died in Auschwitz. Now lives in France.
Chava Finkler, daughter of survivor of Starachovice labour camp, Poland. Now lives in Canada.
Micah Bazant, child of a survivor of the Nazi genocide, United States.
Sylvia Schwartz, daughter and granddaughter of survivors of the Nazi genocide, United States.
Margot Goldstein, daughter and granddaughter of survivors of the Nazi genocide, United States.
Ellen Schwarz Wasfi, daughter of survivors from Vienna, Austria. Now lives in United States.
Lisa Kosowski, daughter of survivor and granddaughter of Auschwitz victims, United States.
Daniel Strum, son of a refugee from Vienna, who, with his parents were forced to flee in 1939, his maternal grand-parents were lost, United States.
Bruce Ballin, son of survivors, some relatives of parents died in camps, one relative beheaded for being in the Baum Resistance Group, United States.
Rachel Duell, daughter of survivors from Germany and Poland, United States.
Tom Mayer, son of survivor and grandson of victims, United States.
Alex Nissen, daughter of survivors who escaped but lost family in the Holocaust, United States.
Mark Aleshnick, son of survivor who lost most of her family in Nazi genocide, United States.
Prof. Haim Bresheeth, son of two survivors of Auschwitz and Bergen Belsen, London.
Todd Michael Edelman, son and grandson of survivors and great-grandson of victims of the Nazi genocide in Hungary, Romania and Slovakia, United States.
Tim Naylor, son of survivor, New Zealand. Victor Nepomnyashchy, son and grandson of survivors and grandson and relative of many victims, United States.
Tanya Ury, daughter of parents who fled Nazi Germany, granddaughter, great granddaugher and niece of survivors and those who died in concentration camps, Germany.
Rachel Giora, daughter of Polish Jews who fled Poland, Israel.
Jane Hirschmann, daughter of survivors, United States.
Jenny Heinz, daughter of survivor, United States.
Jaap Hamburger, son of survivors and grandchild of 4 grandparents murdered in Auschwitz, The Netherlands.
Elsa Auerbach, daughter of Jewish refugees from Nazi Germany, United States.
Beth Bruch, grandchild of German Jews who fled to US and great-grandchild of Nazi holocaust survivor, United States.
Julian Clegg, son and grandson of Austrian refugees, relative of Austrian and Hungarian concentration camp victims, Taiwan.
David Mizner, son of a survivor, relative of people who died in the Holocaust, United States.
Jeffrey J. Westcott, son and grandson of Holocaust survivors from Germany, United States.
Susan K. Jacoby, daughter of parents who were refugees from Nazi Germany, granddaughter of survivor of Buchenwald, United States.
Audrey Bomse, daughter of a survivor of Nazi ethnic cleansing in Vienna, lives in United States.
Daniel Gottschalk, son and grandson of refugees from the Holocaust, relative to various family members who died in the Holocaust, United States.
Ken Schneider, son of refugees from Vienna who lost many family members, United States.
Barbara Grossman, daughter of survivors, granddaughter of Holocaust victims, United States.
Abraham Weizfeld PhD, son of survivorswho escaped Warsaw (Jewish Bundist) and Lublin ghettos, Canada.
David Rohrlich, son of refugees from Vienna, grandson of victim, United States.
Walter Ballin, son of holocaust survivors, United States.
Fritzi Ross, daughter of survivor, granddaughter of Dachau survivor Hugo Rosenbaum, great-granddaughter and great-niece of victims, United States.
Reuben Roth, son of survivors who fled from Poland in 1939, Canada.
Tony Iltis, father fled from Czechoslovakia and grandmother murdered in Auschwitz, Australia.
Anne Hudes, daughter and granddaughter of survivors from Vienna, Austria, great-granddaughter of victims who perished in Auschwitz, United States.
Mateo Nube, son of survivor from Berlin, Germany. Lives in United States.
John Mifsud, son of survivors from Malta, United States.
Mike Okrent, son of two holocaust / concentration camp survivors, United States.
Susan Bailey, daughter of survivor and niece of victims, UK.
Brenda Lewis, child of Kindertransport survivor, parent’s family died in Auschwitz and Terezin. Lives in Canada.
Patricia Rincon-Mautner, daughter of survivor and granddaughter of survivor, Colombia.
Barak Michèle, daughter and grand-daughter of a survivor, many members of family were killed in Auschwitz or Bessarabia. Lives in Germany.
Jessica Blatt, daughter of child refugee survivor, both grandparents’ entire families killed in Poland. Lives in United States
Maia Ettinger, daughter & granddaughter of survivors, United States.
Ammiel Alcalay, child of survivors from then Yugoslavia. Lives in United States.
Julie Deborah Kosowski, daughter of hidden child survivor, grandparents did not return from Auschwitz, United States.
Julia Shpirt, daughter of survivor, United States.
Ruben Rosenberg Colorni, grandson and son of survivors, The Netherlands.
Victor Ginsburgh, son of survivors, Belgium.
Arianne Sved, daughter of a survivor and granddaughter of victim, Spain.
Rolf Verleger, son of survivors, father survived Auschwitz, mother survived deportation from Berlin to Estonia, other family did not survive. Lives in Germany.
Euvrard Janine, daughter of survivors, France.
H. Fleishon, daughter of survivors, United States.
Barbara Meyer, daughter of survivor in Polish concentration camps. Lives in Italy.
Susan Heuman, child of survivors and granddaughter of two grandparents murdered in a forest in Minsk. Lives in United States.
Rami Heled, son of survivors, all grandparents and family killed by the Germans in Treblinka, Oswiecim and Russia. Lives in Israel.
Eitan Altman, son of survivor, France.
Jorge Sved, son of survivor and grandson of victim, United Kingdom
Maria Kruczkowska, daughter of Lea Horowicz who survived the holocaust in Poland. Lives in Poland.
Sarah Lanzman, daughter of survivor of Auschwitz, United States.
Cheryl W, daughter, granddaughter and nieces of survivors, grandfather was a member of the Dutch Underground (Eindhoven). Lives in Australia.
Chris Holmquist, son of survivor, UK.
Beverly Stuart, daughter and granddaughter of survivors from Romania and Poland. Lives in United States.
Peter Truskier, son and grandson of survivors, United States.
Karen Bermann, daughter of a child refugee from Vienna. Lives in United States.
Rebecca Weston, daughter and granddaughter of survivor, Spain.
Lyn Bender, daughter, granddaughter & niece of survivors, Australia.

Nipoti e pronipoti di sopravvissuti

Raphael Cohen, grandson of Jewish survivors of the Nazi genocide, United States.
Emma Rubin, granddaughter of a survivor of the Nazi genocide, United States.
Alex Safron, grandson of a survivor of the Nazi genocide, United States.
Danielle Feris, grandchild of a Polish grandmother whose whole family died in the Nazi Holocaust, United States.
Jesse Strauss, grandson of Polish survivors of the Nazi genocide, United States.
Anna Baltzer, granddaughter of survivors of Nazi genocide whose family members perished in Auschwitz (also grand-niece of members of the Belgian Resistance), United States.
Abigail Harms, granddaughter of Holocaust survivor from Austria, Now lives in United States.
Tessa Strauss, granddaughter of Polish Jewish survivors of the Nazi genocide, United States.
Caroline Picker, granddaughter of survivors of the Nazi genocide, United States.
Amalle Dublon, grandchild and great-grandchild of survivors of the Nazi holocaust, United States.
Antonie Kaufmann Churg, 3rd cousin of Ann Frank and grand-daughter of survivors, United States.
Aliza Shvarts, granddaughter of survivors, United States.
Linda Mamoun, granddaughter of survivors, United States.
Abby Okrent, granddaughter of survivors of Auschwitz, Stuthoff and the Lodz Ghetto, United States.
Ted Auerbach, grandson of survivor whose whole family died in the Holocaust, United States.
Bob Wilson, grandson of a survivor, United States.
Katharine Wallerstein, granddaughter of survivors and relative of many who perished, United States.
Sylvia Finzi, granddaughter and niece of Holocaust victims murdered in Auschwitz, London and Berlin.
Esteban Schmelz, grandson of KZ-Theresienstadt victim, Mexico City.
Françoise Basch, grand daughter of Victor and Ilona Basch murdered by the Gestapo and the French Milice, France.
Gabriel Alkon, grandson of Holocaust survivors, Untied States.
Nirit Ben-Ari, grandchild of Polish grandparents from both sides whose entire family was killed in the Nazi Holocaust, United States.
Heike Schotten, granddaughter of refugees from Nazi Germany who escaped the genocide, United States.
Ike af Carlstèn, grandson of survivor, Norway.
Elias Lazarus, grandson of Holocaust refugees from Dresden, United States and Australia.
Laura Mandelberg, granddaughter of Holocaust survivors, United States.
Josh Ruebner, grandson of Nazi Holocaust survivors, United States.
Shirley Feldman, granddaughter of survivors, United States.
Nuno Cesar Ferreira, grandson of survivor, Brazil.
Andrea Land, granddaugher of survivors who fled programs in Poland, all European relatives died in German and Polish concentration camps, United States.
Sarah Goldman, granddaughter of survivors of the Nazi genocide, United States.
Baruch Wolski, grandson of survivors, Austria.
Frank Amahran, grandson of survivor, United States.
Eve Spangler, granddaughter of Holocaust NON-survivor, United States.
Gil Medovoy, grandchild of Fela Hornstein who lost her enitre family in Poland during the Nazi genocide, United States.
Michael Hoffman, grandson of survivors, rest of family killed in Poland during Holocaust, live in El Salvador.
Sarah Hogarth, granddaughter of a survivor whose entire family was killed at Auschwitz, United States.
Natalie Rothman, great granddaughter of Holocaust victims in Warsaw. Now lives in Canada.
Yotam Amit, great-grandson of Polish Jew who fled Poland, United States.
Daniel Boyarin, great grandson of victims of the Nazi genocide, United States.
Maria Luban, great-granddaughter of survivors of the Holocaust, United States.
Tibby Brooks, granddaughter, niece, and cousin of victims of Nazis in Ukraine. Lives in United States.
Dan Berger, grandson of survivor, United States.
Dani Baurer, granddaughter of Baruch Pollack, survivor of Auschwitz. Lives in United States.
Talia Baurer, granddaughter of a survivor, United States.
Evan Cofsky, grandson of survivor, UK.
Annie Sicherman, granddaughter of survivors, United States.
Anna Heyman, granddaughter of survivors, UK.
Maya Ober, granddaughter of survivor and relative of deceased in Teresienstadt and Auschwitz, Tel Aviv.
Anne Haan, granddaughter of Joseph Slagter, survivor of Auschwitz. Lives in The Netherlands.
Oliver Ginsberg, grandson of victim, Germany.
Alexia Zdral, granddaughter of Polish survivors, United States.
Mitchel Bollag, grandson of Stanislaus Eisner, who was living in Czechoslovakia before being sent to a concentration camp. United States.
Vivienne Porzsolt, granddaughter of victims of Nazi genocide, Australia.
Lisa Nessan, granddaughter of survivors, United States.
Kally Alexandrou, granddaughter of survivors, Australia.
Laura Ostrow, granddaughter of survivors, United States
Anette Jacobson, granddaughter of relatives killed, town of Kamen Kashirsk, Poland. Lives in United States.
Tamar Yaron (Teresa Werner), granddaughter and niece of victims of the Nazi genocide in Poland, Israel.
Antonio Roman-Alcalá, grandson of survivor, United States.
Jeremy Luban, grandson of survivor, United States.
Heather West, granddaughter of survivors and relative of other victims, United States.
Jeff Ethan Au Green, grandson of survivor who escaped from a Nazi work camp and hid in the Polish-Ukranian forest, United States.
Johanna Haan, daughter and granddaughter of victims in the Netherlands. Lives in the Netherlands.
Aron Ben Miriam, son of and nephew of survivors from Auschwitz, Bergen-Belsen, Salzwedel, Lodz ghetto. Lives in United States.
Noa Shaindlinger, granddaughter of four holocaust survivors, Canada.
Merilyn Moos, granddaughter, cousin and niece murdered victims, UK.
Ruth Tenne, granddaughter and relative of those who perished in Warsaw Ghetto, London.
Craig Berman, grandson of Holocaust survivors, UK.
Nell Hirschmann-Levy, granddaughter of survivors from Germany. Lives in United States.
Osha Neumann, grandson of Gertrud Neumann who died in Theresienstadt. Lives in United States.
Georg Frankl, Grandson of survivor Ernst-Immo Frankl who survived German work camp. Lives in Germany.
Julian Drix, grandson of two survivors from Poland, including survivor and escapee from liquidated Janowska concentration camp in Lwow, Poland. Lives in United States.
Katrina Mayer, grandson and relative of victims, UK.
Avigail Abarbanel, granddaughter of survivors, Scotland.
Denni Turp, granddaughter of Michael Prooth, survivor, UK.
Fenya Fischler, granddaughter of survivors, UK.
Yakira Teitel, granddaughter of German Jewish refugees, great-granddaughter of survivor, United States.
Sarah, granddaughter of survivor, the Netherlands.
Susan Koppelman, granddaughter of survivor, United States
Hana Umeda, granddaughter of survivor, Warsaw.
Jordan Silverstein, grandson of two survivors, Canada.
Olivia Kraus, great-grandaughter of victims, granddaughter and daughter of family that fled Austria and Czechoslovakia. Lives in United States.
Emily (Chisefsky) Alma, great granddaughter and great grandniece of victims in Bialystok, Poland, United States.
Inbal Amin, great-granddaughter of a mother and son that escaped and related to plenty that didn’t, United States.
Matteo Luban, great-granddaughter of survivors, United States.

Altri parenti di sopravvissuti

Terri Ginsberg, niece of a survivor of the Nazi genocide, United States.
Nathan Pollack, relative of Holocaust survivors and victims, United States.
Marcy Winograd, relative of victims, United States.
Rabbi Borukh Goldberg, relative of many victims, United States.
Martin Davidson, great-nephew of victims who lived in the Netherlands, Spain.
Miriam Pickens, relative of survivors, United States.
Dorothy Werner, spouse of survivor, United States.
Hyman and Hazel Rochman, relatives of Holocaust victims, United States.
Rich Siegel, cousin of victims who were rounded up and shot in town square of Czestochowa, Poland. Now lives in United States.
Ignacio Israel Cruz-Lara, relative of survivor, Mexico.
Debra Stuckgold, relative of survivors, United States.
Joel Kovel, relatives killed at Babi Yar, United States.
Carol Krauthamer Smith, niece of survivors of the Nazi genocide, United States.
Chandra Ahuva Hauptman, relatives from grandfather’s family died in Lodz ghetto, one survivor cousin and many deceased from Auschwitz, United States.
Shelly Weiss, relative of Holocaust victims, United States.
Carol Sanders, niece and cousin of victims of Holocaust in Poland, United States.
Sandra Rosen, great-niece and cousin of survivors, United States.
Raquel Hiller, relative of victims in Poland. Now lives in Mexico.
Alex Kantrowitz, most of father’s family murdered Nesvizh, Belarus 1941. Lives in United States.
Michael Steven Smith, many relatives were killed in Hungary. Lives in United States.
Linda Moore, relative of survivors and victims, United States.
Juliet VanEenwyk, niece and cousin of Hungarian survivors, United States.
Anya Achtenberg, grand niece, niece, cousin of victims tortured and murdered in Ukraine. Lives in United States.
Betsy Wolf-Graves, great niece of uncle who shot himself as he was about to be arrested by Nazis, United States.
Abecassis Pierre, grand-uncle died in concentration camp, France.
Robert Rosenthal, great-nephew and cousin of survivors from Poland. Lives in United States.
Régine Bohar, relative of victims sent to Auschwitz, Canada.
Denise Rickles, relative of survivors and victims in Poland. Lives in United States.
Louis Hirsch, relative of victims, United States.
Concepción Marcos, relative of victim, Spain.
George Sved, relative of victim, Spain.
Judith Berlowitz, relative of victims and survivors, United States.
Rebecca Sturgeon, descendant of Holocaust survivor from Amsterdam. Lives in UK.
Justin Levy, relative of victims and survivors, Ireland.
Sam Semoff, relative of survivors and victims, UK.
Karen Malpede, Spouse of hidden child who then fled Germany. United States
Michel Euvrard, husband of Holocaust survivor, France.

Fonte: International Jewish Anti-Zionist Network

AddThis Social Bookmark Button
Ultimo aggiornamento Martedì 12 Agosto 2014 13:41

Quando Washington sosteneva lo ‘Stato Islamico’...

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Quando Washington sosteneva lo ‘Stato Islamico’...

Marco Santopadre - tratto da http://contropiano.org

I media di tutto il mondo informano in queste ore sui diversi attacchi aerei realizzati nelle ultime 48 ore dall’aviazione militare statunitense e dai droni di Washington contro alcune postazioni dello ‘Stato Islamico’ – ex Isis o Isil – per evitare che dilaghino più di quanto non abbiano già fatto nel nord dell’Iraq dove centinaia di migliaia di curdi, cristiani, yazidi e turcomanni sono stati costretti a fuggire per evitare di essere uccisi, rapiti o perseguitati.
Raid mirati, per ora, che hanno suscitato la rabbia del leader jihadista Al Baghdadi il quale ha definito vigliacchi i militari statunitensi invitandoli a combattere l’IS sul campo e non con i bombardamenti dall’alto. Quello stesso Al Baghdadi che, per alcuni anni, è stato ospite delle prigioni gestite dagli americani a Guantanamo ma che fu liberato, nel 2009, perché considerato dai comandanti dell’intelligence di Washington ‘non pericoloso’. 

La verità è che gli Stati Uniti, così come d’altronde Turchia, Arabia Saudita e petromonarchie varie, hanno sostenuto la nascita e la crescita del gruppo fondamentalista sunnita che nel giro di pochi anni è diventato una vera e propria potenza militare e politica, mettendo a rischio gli stessi interessi nella regione dei paesi sponsor. Di fatto oggi i tagliagole di Al Baghdadi mettono a rischio le frontiere della Turchia e assediano il Kurdistan iracheno, due baluardi - con tutte le contraddizioni del caso - della presenza occidentale nella regione, e a Washington hanno deciso di non lasciarli fare. Ma non è stato sempre così.

In un quadrante geopolitico in cui il nemico da indebolire era l’asse ‘sciita’ tra Hezbollah, Siria e Iran, non è sembrato fuori luogo all’amministrazione Obama favorire l’emergere di un nuovo soggetto sunnita che sostenesse gli interessi egemonici della Casa Bianca in Medio Oriente; un ragionamento simile a quello che ha fatto il partito al governo in Turchia, espressione di una fratellanza musulmana sunnita che ha pensato di utilizzare diverse formazioni islamiste, da quelle più moderate a quelle più estremiste, per indebolire i curdi siriani e mettere un piede nella vicina Siria nel frattempo gettata nella tragedia della guerra civile (termine improprio visto che a combattere a Damasco sono milizie ed eserciti di decine di paesi). I fondamentalisti sunniti erano utili anche contro il governo sciita iracheno gestito da Al Maliki, e tutto ha ‘funzionato’ abbastanza bene finché le milizie jihadiste non sono cresciute troppo, ingrossate da migliaia di turchi, ceceni, afghani, pakistani, indonesiani ed europei, mettendo in campo il folle progetto dell’instaurazione di un califfato islamico su Siria e Iraq e cominciando a perseguire attivamente la pulizia etnica di territori sempre più vasti. Solo a quel punto il governo di Erdogan ha cominciato ad allentare il sostegno agli jihadisti, e ancora più tardi l’amministrazione Obama si è convinta ad infliggere qualche colpo alle milizie di Al Baghdadi, anche se non troppo forte da determinarne la sconfitta. I fondamentalisti sunniti, avrà pensato la Casa Bianca, potrebbero sempre rivelarsi utili in futuro, e se è d’obbligo per ora indebolirli non è opportuno eliminarli dallo scenario, non si sa mai…
Ma, mentre i media occidentali scoprono la persecuzioni dei cristiani del nord dell’Iraq e plaudono all’intervento dell’aviazione statunitense nella regione, i documenti riservati resi pubblici in questi anni da Wikileaks ci raccontano la vera storia delle relazioni tra Casa Bianca e fondamentalismo islamico sunnita.

“Gli Stati Uniti hanno permesso che lo Stato Islamico crescesse. Nel 2010 la Siria invitò Washington a cooperare per combattere i gruppi estremisti ma gli Stati Uniti, all’opposto, li armarono” scrive sul suo account di Twitter il team di WikiLeaks pubblicando nuovi scottanti documenti. Ad esempio, quello dal quale risulta che nel febbraio del 2010 il capo dell’intelligence di Damasco, il generale Ali Mamluk, e il viceministro degli Esteri siriano, Faisal al Miqdad, incontrarono una delegazione statunitense guidata da Daniel Benjamin, coordinatore del team antiterrorismo del Dipartimento di Stato Usa. Un incontro mai avvenuto prima durante il quale Mamluk sottolineò che la sicurezza della frontiera tra Siria e Iraq avrebbe dovuto interessare anche gli Stati Uniti. Mamluk affermò che sul tema la Siria era disposta a negoziare con i governi di Washington e Baghdad, avvertendo che i servizi di sicurezza di Damasco stavano già arrestando centinaia di estremisti islamici, molti dei quali armati, che usavano la Siria per penetrare in territorio iracheno. In nome della auspicata collaborazione contro l’estremismo islamico Damasco chiese a Washington il riconoscimento del ruolo della propria intelligence, la sua eliminazione dalla lista dei paesi che sostengono il terrorismo e l’affievolimento delle sanzioni economiche statunitensi e internazionali già comminate alla Siria. Ma Benjamin, su mandato dell’amministrazione Obama, non accettò la proposta e gli Stati Uniti cominciarono a lavorare proprio contro le raccomandazioni di Damasco (e del buon senso). E sappiamo come è andata a finire…
Secondo quanto rivelato dai documenti resi pubblici dall’ex agente della National Security Agency Edward Snowden, ora riparato in Russia, sarebbero stati proprio la Cia e il Mossad ad addestrare e ad armare l’Isil all'interno di un’operazione denominata “Nido dei calabroni”. «L’unica soluzione per proteggere lo Stato ebraico è quella di creare un nemico alle sue frontiere e di indirizzarlo contro gli Stati islamici che si oppongono alla sua presenza» afferma un documento della Cia reso noto da Wikileaks. 

Nel 2013 anche la stampa statunitense, compreso il Washington Post, cominciarono a pubblicare articoli nei quali si informava l’opinione pubblica interna del fatto che il governo e la Cia avevano cominciato a rifornire i ‘ribelli siriani’ di armi e finanziamenti. Non ci si dovrebbe stupire quindi del fatto che oggi decine di migliaia di miliziani sunniti bene armati e assai determinati occupino vaste regioni della Siria e dell’Iraq, attacchino l’esercito libanese e minaccino direttamente i paesi occidentali.

10 agosto 2014

AddThis Social Bookmark Button

Gaza. La società israeliana delusa dalla tregua. Hamas “festeggia”, ma la Striscia resta sotto assedio

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
In Israele sono tante le critiche verso il governo per la fine dell’offensiva, sebbene l’esercito dica che Margine Protettivo non è terminata. Le fazioni palestinesi sperano in condizioni che Il Cairo e Tel Aviv non concederanno mai.

Una bambina palestinese in un rifugio Onu di beit Lahia (Foto: Mohammed Abed/AFP/Getty Images)

Una bambina palestinese in un rifugio Onu di beit Lahia (Foto: Mohammed Abed/AFP/Getty Images)

di Michele Giorgio – tratto da Il Manifesto

Gerusalemme, 6 agosto 2014, Nena News – Non sono più dentro la Striscia ma i reparti corazzati israeliani sono lì davanti, ammassati sulla linea di demarcazione tra Gaza e Israele. Pronti a rientrare e a colpire con forza. Lo ripeteva ieri il generale Sami Turgeman, comandante responsabile della regione sud delle Forze  Armate, provando a rassicurare gli sfollati israeliani, ossia gli abitanti dei centri a ridosso di Gaza che nei giorni scorsi avevano lasciato le loro case per trasferirsi in località più sicure. «L’operazione ’Margine protettivo’ non è finita – ha detto – Le forze dispiegate intorno alla Striscia sono pronte a continuare. Abbiamo completato in pieno la nostra missione e abbiamo localizzato e distrutto tutti i tunnel di infiltrazione».

Poco prima il premier Netanyahu aveva elogiato i soldati israeliani e ricordato il sacrificio di quelli caduti in combattimento, poi ha sottolineato il «successo» di Margine Protettivo. Solo che a quel successo sono davvero in pochi a credere nel suo paese. E’ preferibile non precisare cosa si attendessero i cittadini di Israele, o almeno una buon porzione di essi, dall’offensiva devastante andata avanti per quasi un mese e che ha ucciso circa 1900 palestinesi a Gaza, tra i quali centinaia di donne e bambini. Volendo essere soft si potrebbe dire che dietro il totem della sicurezza dei residenti nel sud di Israele si cela il desiderio diffuso di un’offensiva più profonda e letale contro Hamas o Gaza, per molti israeliani è lo stesso.

Netanyahu e i comandi militari riferiscono con orgoglio della distruzione di oltre 30 tunnel, di «infrastrutture del terrore» annientate, di depositi di razzi e armi polverizzati e dell’uccisione di centinaia di uomini di Hamas e di altre organizzazioni armate palestinesi (e i civili morti?) . «Risultati» che non bastano alle decine di migliaia di israeliani residenti a ridosso di Gaza che affermano di non sentire garantita la loro sicurezza.

Il bagno di sangue costato la vita di tanti civili palestinesi non è servito a nulla dal loro punto di vista: Hamas ha subito colpi duri ma è sempre in grado di lanciare razzi e colpi di mortaio, lo ha dimostrato anche nelle ore precedenti alla tregua di tre giorni cominciataieri alle 8. Israele ha fatto strage di combattenti di «Ezzedin al Qassam» ma il braccio armato di Hamas non ha smesso neanche per un giorno di rispondere colpo su colpo all’offensiva israeliana, nonostante l’incredibile potenza di fuoco del nemico. E se tante gallerie sotterranee sono state distrutte altrettante forse saranno costruite in futuro. Di fronte a ciò gli israeliani, a cominciare del sud e del Neghev occidentale, reagiscono puntando l’indice contro il governo Netanyahu incapace di «risolvere» con un vero pugno di ferro il «problema». Perciò chiedono più forza e più attacchi.

Pochissimi israeliani pensano che la soluzione stia nel togliere l’assedio che da anni, troppi anni, con la collaborazione attiva dell’Egitto, soffoca Gaza e i suoi abitanti. Tutti gli esseri umani hanno diritto a una vita vera, in dignità e libertà, anche i palestinesi. Invece la disumanizzazione sistematica dei palestinesi portata avanti in questi anni ha mostrato nell’ultimo mese il suo risultato più concreto: l’appiattimento quasi totale, della società israeliana sulla guerra come unico metodo di soluzione dei conflitti. Nel 1982, dopo il massacro di 3mila profughi palestinesi a Sabra e Shatila, 400mila israeliani scesero in piazza Malchei Israel (oggi piazza Rabin) a Tel Aviv per dire basta alla guerra in Libano e per chiedere l’apertura di un’inchiesta sulle responsabilità dell’allora ministro della difesa Ariel Sharon. Qualche giorno fa in quella stessa piazza hanno manifestato contro la guerra poche migliaia di persone e tra di esse l’unico deputato ebreo era il comunista Dov Chenin.

Di fronte alle scene filmate di bambini palestinesi insanguinati, di uomini fatti a pezzi, di donne che fuggono in preda al panico sotto le bombe e le cannonate, buona parte del paese, o quasi, si lamenta dell’assenza di «risultati» veri dell’offensiva contro Gaza. Lo Yediot Ahronot ieri riferiva le dichiarazioni di numerosi soldati della Brigata Givati, impiegata in Margine Protettivo, che non nascondevano la loro amarezza e incredulità per la decisione del governo di accettare la tregua umanitaria.

David Rubin, l’ex sindaco della colonia israeliana di Shilo, ha accusato l’esecutivo di aver «sottratto» la vittoria all’esercito. «Quando combatti una guerra, devi combatterla fino alla vittoria e ottenere una grande vittoria. I politici non hanno ancora compreso tutto questo», si lamentava Rubin sul sito Arutz 7. Parole che non appartengono solo a un uomo di destra, perché rappresentano il sentire comune in questo momento in Israele.

Ieri cantava «vittoria» anche Sami Abu Zuhri, il portavoce di Hamas a Gaza, sostenendo che i combattenti di Hamas hanno demolito il «potere di deterrenza» di Israele e che la resistenza ha sbaragliato il nemico. Può darsi. Ma Abu Zuhri e i leader di Hamas dovranno riconoscere presto o tardi che alla fine di questa guerra pagata con il sangue di tanti palestinesi, la condizione di Gaza che dicevano di voler cambiare in modo radicale rimarrà sostanzialmente la stessa: una prigione a cielo aperto. Solo un ingenuo può credere che al tavolo dei negoziati la coppia Israele-Egitto darà alla gente di Gaza la libertà che cerca da sempre.

L’esaltazione della gittata dei razzi palestinesi e dei successi militari dei combattenti di Ezzedin al Qassam può soddisfare il movimento islamico e qualche rivoluzionario da scrivania all’estero ma è superflua per il progetto nazionale palestinese. E solo un ingenuo può dare piena credibilità all’iniziativa del ministro degli esteri dell’Anp Riad al Malki, volato ieri a L’Aja per chiedere alla Corte penale internazionale di aprire un’indagine contro Israele per crimini di guerra e contro l’umanità a Gaza. La ricattabile e largamente dipendente dalle donazioni occidentali Anp ha un record di repentini passi all’indietro quando si è trattato di far ricorso al diritto internazionale.

Urge la ricostruzione, il ministro dell’economia palestinese Mohammed Mustafa ieri ipotizzava la convocazione di una conferenza di donatori a settembre. Obiettivo: raccogliere sei miliardi di dollari per Gaza. Una cifra spaventosa, relativa solo una parte dei danni enormi subiti dalla Striscia. Dopo un mese di bombardamenti, gli abitanti di Gaza ieri hanno sfruttato la prima giornata reale di tregua per rendersi conto dell’entità delle distruzioni e per tornare a una parvenza di normalità, sotto un cielo non più sorvolato da droni e F-16. Si spera per sempre.

da nena-news

AddThis Social Bookmark Button
Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Agosto 2014 12:51

Le sanzioni alla Russia fanno male all’Unione Europea

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Le sanzioni alla Russia fanno male all’Unione EuropeaMarco Santopadre

tratto da http://contropiano.org

Cominciano a manifestarsi le prime serie conseguenze delle dure sanzioni economiche comminate da Stati Uniti, Unione Europea e Giappone nei confronti della Russia e decise dopo la reazione di Mosca al cruento colpo di stato filo-occidentale di febbraio a Kiev che ha scatenato nel paese una sanguinosa guerra civile tuttora in corso.

Poche ore fa la direzione della compagnia aerea low cost russa Dobrolet, controllata di Aeroflot, ha annunciato di aver interrotto «temporaneamente» da oggi tutti i suoi voli dopo essere entrata nella lista delle società oggetto delle sanzioni. «Per via di una pressione senza precedenti sulla società Dobrolet, il vettore é costretto a sospendere i voli e la vendita dei biglietti» recita un laconico comunicato diffuso ieri sera in cui si spiega che le «controparti europee» hanno annullato gli accordi di assicurazione delle aeromobili, sospeso la fornitura di informazioni aeronautiche e rifiutato di rispettare gli accordi di leasing, riparazione e manutenzione siglati in passato.
Secondo l’Unione Europea la low-cost russa - che operava voli regolari tra Mosca e Simferopoli, in Crimea - «facilita l'integrazione con la Federazione russa della Repubblica autonoma di Crimea, illegalmente annessa, e mina la sovranità e l'integrità territoriale ucraina». Poco importa che la Crimea sia diventata parte dell’Ucraina solo pochi decenni fa e per mere questioni amministrative all’interno dell’allora stato plurinazionale dell’Urss, e che sia recentemente passata di nuovo alla Federazione Russa dopo un referendum partecipatissimo e a senso unico stimolato dall'aggressività antirussa del nuovo regime nazionalista ucraino.

Fatto sta che le recenti sanzioni varate da Bruxelles contro Mosca hanno questa volta coinvolto non solo alcuni personaggi dell’amministrazione russa o delle autorità ‘separatiste’ dell’Ucraina orientale, come in passato. Stavolta le ritorsioni contro Mosca vanno a colpire, tra le altre cose, l'accesso delle banche pubbliche russe ai mercati dei capitali europei, l'import-export di armi; l'export di tecnologia a doppio uso civile e militare (praticamente quasi tutta) e infine la vendita dall'Europa verso la Russia di quella tecnologia che può servire all'industria petrolifera per estrarre petrolio in acque profonde, nell'Artico o nelle rocce di scisto.

Il problema è che il pacchetto di sanzioni, il più massiccio dai tempi della Guerra Fredda ai danni della Russia, avrà effetti seri anche sulle economie dei paesi europei, cosa che il presidente russo Vladimir Putin non manca di denunciare e ricordare. I danni all’economia continentale, già di per sé poco florida a causa del protrarsi della crisi economica più lunga dell’ultimo secolo, non derivano solo dalle controsanzioni decise dal governo russo, per ora dall’effetto ancora limitato agli scambi commerciali soprattutto in materia di prodotti agricoli.

Le sanzioni e la guerra commerciale scatenate da Bruxelles e Washington produrranno un effetto boomerang anche su alcuni settori chiave dell’economia continentale. Ovviamente la Russia dovrà riorientare importazioni, esportazioni e collaborazione tecnologica verso altri lidi più indipendenti dalle politiche di un campo occidentale a sua volta assai rissoso al suo interno. Il mondo di oggi non è più quello unipolare di venti anni fa. Oggi paesi come Cina, India, Iran, Brasile, Sudafrica, Indonesia ed altri ancora sono in grado di costituire una alternativa duratura e solida ad un occidente che chiude le porte a Mosca. Certamente i tempi per riorientare le proprie economie verso altri canali sono lunghi, e le conseguenze per Mosca saranno serie. Ma le sanzioni spingono, di fatto obbligano la Russia e i suoi alleati a realizzare rapidamente delle scelte che forse non avrebbero mai compiuto, o avrebbero deciso di intraprendere con ritmi assai più lenti.
L’impatto delle restrizioni decise dalle cancellerie occidentali per punire la classe dirigente russa si ritorcerà in particolare sul commercio, sul settore finanziario e su quello energetico dell’intera Europa e colpirà in maniera consistente alcune imprese continentali, grandi e piccole. Secondo alcuni analisti le conseguenze saranno così gravi che le previsioni di crescita dell’economia dell’Eurozona, già all'origine assai asfittiche, dovranno essere quasi dimezzate. Analisti di diversa provenienza – da Capital a Bank of America, da Merrill Lynch a Deutsche Asset & Wealth Management fino a Nomura – prevedono che l’impatto delle sanzioni alla Russia sull’economia europea sarà rispettivamente di 3 e 5 decimi di Pil nel 2014 e nel 2015. Il che vuol dire, stando alle previsioni di crescita elaborate a luglio dal Fondo Monetario Internazionale (e già pompate al rialzo) che l’incremento del Pil continentale dell’anno in corso dovrebbe ridursi dall’1,1% allo 0,6%. Anche se i think tank europei tendono a ridimensionare l’impatto della guerra commerciale e tecnologica con Mosca è evidente che i rischi economici per l’Unione Europea sono assai maggiori di quanto finora i governi della Vecchia Europa abbiano pubblicamente ammesso. E non sono solo le previsioni a dirlo.
I primi mesi di muro contro muro tra Bruxelles e Mosca hanno già prodotto effetti evidenti, si parla di dati reali e mancati introiti per le aziende europee di varie centinaia di milioni di euro. Migliaia di imprese hanno già ampiamente ridotto gli scambi con la Russia. Secondo Nomura ad esempio le esportazioni dall’Ue verso Mosca sono calate del 16,5% circa tra gennaio e maggio, ancor prima del varo delle sanzioni vere e proprie. Sarà soprattutto la guerra nel settore energetico ad infliggere alle economie europee il danno maggiore. In previsione di una recrudescenza dei rapporti diplomatici e quindi anche economici e finanziari tra il continente e la Russia, alcune compagnie hanno già deciso delle contromisure che non faranno altro che aggravare la situazione. Ad esempio la Royal Bank of Scotland ha già annunciato che ridurrà la sua linea di credito a Mosca mentre la compagnia petrolifera British Petroleum – che possiede il 20% della russa Rosneft, una delle imprese sanzionate direttamente – ha già denunciato un crollo degli introiti. Negli ultimi mesi Societé General e Deutsche Bank hanno perso circa il 20% del valore dei propri titoli azionari sui mercati continentali. Paradossalmente, l’economia tedesca potrebbe essere una delle più colpite se il braccio di ferro tra Ue e Russia continua e si approfondisce, vista la forte esposizione delle imprese e delle banche di Berlino nel paese di Putin. Con somma soddisfazione di Washington.

4 agosto 2014

AddThis Social Bookmark Button

Pagina 2 di 258